Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Giuliano Ciabatta

Autore

Dove vivi (Città): Ravenna
Cosa fai nella vita? Sono autore, compositore, produttore musicale e direttore del suono.
Qual era il tuo sogno da bambino? Da bambino volevo fare il detective e il foto reporter.
Una frase che ti rappresenta è: "Il contrario di normale è speciale" Eliminare ogni forma di giudizio è il lavoro più difficile da fare nella vita.
La tua canzone in gara è: "Mediterraneamente"
In quanto autore di: musica e testo
Cosa ti ha spinto a scrivere una canzone per bambini? Ho sempre voluto scrivere per lo Zecchino d'Oro anche se avevo già scritto per bambini perché io sono un eterno bambino. Da bambino vinsi la selezione per partecipare allo Zecchino d'Oro cantando un provino de "Il caffè della Peppina" ma per timidezza non andai e questa cosa è rimasta un desiderio in fondo al cuore.
Com’è nata la tua canzone? La canzone nasce da una melodia che ho scritto spontaneamente con la chitarra e che ho pensato proprio per lo Zecchino d'Oro.
Quale tema ha ispirato la tua canzone e perché? Il tema è quello delle comunità multietniche; in famiglia ho un nipote, figlio di mia sorella, che frequenta una classe piena di bambini provenienti da ogni area del Mediterraneo. Io a venti anni sono andato a Londra a studiare inglese e da allora ho sempre viaggiato e frequentato città e metropoli con comunità multietniche, per me lo scambio culturale è stato fonte di crescita e arricchimento. Ho pensato che il tema è attuale e che una canzone per bambini oggi dovesse rappresentare la loro realtà e non avesse senso scrivere un altro "Caffè della Peppina". I tempi sono cambiati e le generazioni di oggi sono mature e consapevoli di ciò che li circonda.
Quale messaggio ti piacerebbe arrivasse con la tua canzone? Gli animali sono liberi di emigrare, l'uomo no. In natura esiste la geografia fisica, l'uomo ha introdotto la geografia politica creando confini culturali, umani e sociali.
Cosa significa per te partecipare alla 60ª edizione dello Zecchino d'Oro? Un enorme soddisfazione personale come autore, compositore e come uomo-bambino.
C'è una canzone dello Zecchino d'Oro alla quale sei legato? Oltre a "Il caffè della Peppina", "Il torero Camomillo"
Un incoraggiamento per i piccoli interpreti: Vorrei che per ogni bambino questa fosse un'esperienza appagante che lo aiuti a trovare la giusta strada. Ognuno di noi deve seguire la propria indole per scoprire il talento che lo porterà a fare il lavoro più adatto a sé, così da raggiungere la consapevolezza per trovare la vera libertà interiore e la serenità.

Le sue canzoni