Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

I progetti educativi dello Zecchino d'Oro.
"Reale e virtuale: mi piace!"

I progetti educativi dello Zecchino d'Oro.<br>

Il brano “Sì, davvero mi piace” non solo ha partecipato alla sessantesima edizione dello Zecchino d’Oro, ma è stato premiato con lo “Zecchino Social“. Una giuria di internauti ha infatti votato la canzone, che parla proprio di questo potentissimo mezzo: la tecnologia! Lo stesso argomento ha ispirato questo progetto didattico che ci suggerisce giochi ed espedienti per ragionare coi bambini sulla contrapposizione tra virtuale e reale.

Le canzoni del 60° Zecchino d’Oro si vestono di nuovo e diventano una serie di progetti educativi.

Le canzoni dello Zecchino d’Oro vengono scelte facendo molta attenzione alle tematiche che affrontano, da cui spesso gli adulti possono prendere spunto per spiegare ai bambini questioni importanti o per animare le loro attività: i quattro progetti educativi proposti da Silvia Corradini e scaricabili in questa sezione si propongono di stimolare la fantasia e il ragionamento attraverso giochi e laboratori di gruppo. Le attività proposte spaziano tra giochi, lavoretti manuali, rappresentazioni teatrali e tanto altro: genitori, animatori o educatori possono prendere ispirazione da questi progetti per organizzare una festa, un periodo ricreativo, ma anche semplicemente un pomeriggio in compagnia adattando le idee all’età e ai gusti dei bimbi.

Progetti Educativi dello Zecchino d’Oro > “Sì davvero mi piace

“Reale e virtuale: mi piace!”

Sono tanti gli aspetti della vita di tutti i giorni che sono cambiati con l’introduzione della tecnologia e non sempre i bambini conoscono i particolari di un tempo a loro lontano. Per questo il progetto suggerisce un metodo utile per accorciare queste differenze generazionali: il confronto. In questo modo, quindi, gli adulti mettono i loro ricordi a disposizione dei più piccoli per mostrare e parlare loro di azioni banali e ormai rare , o desuete, come inviare un fax, scrivere una lettera a mano o fare una ricerca senza l’utilizzo di Internet. 

Ricreare queste situazioni, proponendole come un gioco, ha lo scopo di fornire ai bambini la consapevolezza della tecnologia come uno strumento che aiuta le persone a compiere delle azioni. Va anche ricordato che prima le stesse azioni si svolgevano diversamente, ma comunque facevano già parte della nostra vita. 

Un altro tema “spinoso” quando si parla di tecnologia è quello delle relazioni. La paura più comune è infatti quella di coltivare rapporti sempre più freddi e distaccati, perdendo l’importanza del contatto umano, delle conversazioni e del confronto con amici, familiari ecc..

Il progetto, per questo, invita a cimentarsi in laboratori che stimolano i bambini a tessere delle relazioni basate sul dialogo, sull’unione e sulle emozioni.

Infine, utilizzando proprio le parole della canzone, vengono proposti giochi e attività per educare i bambini alla differenza tra reale e virtuale, incoraggiandoli a godersi le emozioni che la vita offre ogni giorno. Allo stesso tempo viene sottolineata la potenza della tecnologia, capace aumentare le possibilità di ognuno, di prolungare i nostri ricordi e di farci sentire vicino anche chi non lo è. 

Il progetto, oltre che ai più piccoli, si rivolge anche a genitori e insegnanti che possono guidare il gioco partecipandovi attivamente. 

Progetto a cura di Silvia Corradini

Silvia Corradini è nata a Parma nel 1978. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, attualmente insegna in un liceo della sua città. Ha lavorato in Europa e nel Nord America. Dopo un’esperienza decennale in una multinazionale farmaceutica, ha scelto di dedicarsi alla realizzazione di progetti didattici per l’infanzia.
Si avvicina alla musica fin da bambina, partecipa alle selezioni dello Zecchino d’Oro e in seguito presta la sua voce come solista in diversi progetti delle Edizioni Paoline. Nella sua vita ha studiato pianoforte e ottenuto la Licenza di Teoria, Solfeggio e Dettato Musicale. È autrice di testi e canzoni per bambini in italiano e in inglese. È mamma di Giovanni, per lei fonte di grande ispirazione.
Tra i suoi lavori: Happy English, l’inglese per i più piccoli (Paoline Audiovisivi, 2016), Happy English 2, l’inglese per i più piccoli (Paoline Audiovisivi, 2017), La fattoria (Paoline Audiovisivi, 2017), e Grazie scusa per favore (Paoline Audiovisivi, 2018).

60° Zecchino d'Oro - Sì davvero mi piace
60° Zecchino d'Oro - Sì davvero mi piace
60° Zecchino d'Oro - Sì davvero mi piace
60° Zecchino d'Oro - Sì davvero mi piace
60° Zecchino d'Oro - Sì davvero mi piace
60° Zecchino d'Oro - Sì davvero mi piace