Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

"Un mare infinito di opportunità" di Annarosa Colonna

Sono Annarosa Colonna, Neuropsichiatra Infantile che ha avuto la fortuna, tra le altre, di essere Direttore Sanitario di Antoniano Insieme – Centro di Riabilitazione Ambulatoriale per bambini – che fa parte della grande famiglia di Antoniano. La ritengo una grande fortuna perché questo lavoro mi ha dato la possibilità di realizzare un mio sogno nel cassetto di cui vi racconterò.
Da quasi 20 anni mi occupo di disabilità ed ho imparato da grandi maestri e da ancora più “grandi” genitori, che la disabilità nasconde un mare infinito di opportunità, di talenti, di capacità, di potenzialità che vanno assolutamente portate alla luce.

E per fare questo ogni stratagemma è valido, ogni trucco è ammesso, qualunque tentativo va fatto. E nel “magico mondo” di Antoniano esistono potentissime “pozioni magiche” che possono venirci in aiuto.
Una di queste è la musica, linguaggio universale capace di superare differenze e ostacoli per arrivare al cuore di tutti e può essere sentita, vissuta, agita da tutti i bambini.
Sì perché il suono, la voce, le melodie suonate da diversi strumenti musicali hanno davvero la capacità di toccare i cuori, anche quelli apparentemente lontani, impauriti come quelli dei bambini con fragilità. È veramente magico vedere come la musica li cattura, li coinvolge, li avvolge fino a farli superare limiti e paure per poter esprimere emozioni intrappolate.

E la bellezza della musica è che questo vale per tutti, anche per i bambini – anche quelli cresciuti come noi- che sono spaventati dalla diversità, dalla disabilità e non riescono a trovare le parole per poterne parlare, per poter chiedere, per potersi avvicinare senza timore a questo mondo. La musica è davvero un mezzo potente per poter parlare di disabilità. Lo fa in modo naturale, immediato, autentico.
Ecco il mio sogno: poter parlare di diversità a tutti, con leggerezza e semplicità

È così che è nato il Progetto del Pulcino Ballerino che ha visto schierati in campo i bambini di Antoniano Insieme e del Piccolo Coro per raccontare, attraverso una canzone, che ad ognuno di noi può capitare di avere un limite da superare, una difficoltà da affrontare e che insieme possiamo trovare il modo per trasformare un problema in un’opportunità. E quale canzone migliore di quella in cui un pulcino zoppo che, con l’aiuto della sua mamma, ha saputo fare del suo limite un’opportunità che lo ha fatto diventare campione di Hully Gully?
Così come per magia è nato un meraviglioso video in cui si racconta cosa sia l’inclusione, che non nega la differenze ma le supera, cosa sia la riabilitazione che trasforma le fragilità in risorse e come tutto questo sia possibile solo INSIEME.

Si perché credo fermamente che le diversità, siano esse dovute alla disabilità o a qualunque altra condizione, debbano essere un problema di tutti e sia responsabilità (ability to respond= capacità di dare una risposta, ognuno con le proprie caratteristiche) di ognuno di noi conoscerle, affrontarle e superarle, perché no… CANTANDO.

Annarosa Colonna (Direttore Sanitario di “Antoniano Insieme” –
Centro di Riabilitazione Ambulatoriale per bambini di Antoniano)

share
Share