Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Baciccia il pirata

Testo

Baciccia...! Baciccia...!

Il gran pirata Pippo Baciccia
Ha tra le mani pronta una miccia,
Ma il suo cannone s'è arrugginito
Perché da tempo non gli è servito.
Ha l'occhio destro nero bendato
Per le battaglie fatte in passato.

Non ha più ciurma da comandare
Solo coi pesci può «mugugnare»;
Sulla sua barba tutta ricciuta
Candida neve è già caduta,
Ma come un vero lupo di mare
Lui in pensione non vuole andare.

E sul ponte di comando,
Tra il furor della tempesta,
Sempre impavido lui resta
A scrutare l'orizzonte.

E scruta, scruta, ma non appare
Nessun veliero da catturare,
Il buon Baciccia è desolato:
Per consolarsi mangia un gelato...
Beve un «goccetto» per il morale...
Poi fa barchette con il giornale.

E per l'effetto dell'acquavite
Tutte le cose vede ingrandite:
A poco a poco quelle barchette
Son diventate grandi golette.
Allor si butta con gran coraggio
Di quella flotta all'arrembaggio!

Ma si è troppo entusiasmato,
Sbaglia il salto e cade in mare
E lo devon ripescare
Perché, ahimè, non sa nuotare...

Per cancellare l'onta e lo smacco
Riempie la pipa di buon tabacco,
E mentre fuma pensa perplesso:
Io non capisco com'è successo...

Poi ci ripensa, dice: scommetto
Fu tutta colpa di quel «goccetto»!
Prende la canna, e l'amo e l'esca
Poi rassegnato...
Si dà alla pesca!
Si dà alla pesca!
Si dà alla pesca....!!!

leggi tutto
share
Condividi