Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Castelli di sabbia

Titolo originale: Is-sirena (Malta)

Descrizione

Un bambino e una sirena: diversità e differenze che da barriere diventano opportunità grazie al mare che li unisce. Lei in fondo alle acque vorrebbe correre e "coi bimbi ridere", ma è costretta a restare laggiù, "senza fare castelli di sabbia". Lui ha tanta paura, vorrebbe arrivare "dove la sirena sta cantando ma nuotare come lei non sa...". E così i limiti di due persone si possono trasformare in un incontro: la sirena comprende di non poter correre, ma di poter comunque ridere ed insegnare al bambino quello che non sa.

Testo

Giù dallo scoglio scivola una sirena dentro al mare,
E poi accanto all'isola si ferma un attimo a guardare.

Che penserà?
Vorrebbe uscire dal mare blu
Che sognerà?
E poi correndo arrivare laggiù,
Come i bimbi sulla spiaggia bianca
Che felici si rincorrono
E ridono.

Io mi chiedo perché devo stare quaggiù
Senza fare castelli di sabbia,
Non posso correre, coi bimbi ridere
Non posso fare quello che vorrei.

Io mi chiedo perché devo stare quaggiù
Senza fare castelli di sabbia,

Io con le gambe saprei saltare come vorrei
Correndo sulla sabbia tenera,

Cantando finalmente libera.

Là sulla sabbia candida cammina un bimbo lungo il mare,
Toccando l'acqua limpida si ferma un attimo a guardare.

Che penserà?
Lui ha paura del mare blu
Che sognerà?
Vorrebbe tanto arrivare laggiù
Dove la sirena sta cantando
Ma nuotare come lei non sa
Come farà.

Xi hlew sirena ghalkemm
Differenti tassew
It-tnejn ghandna s-sabih gewwa qalbna,
Specjali int ukoll
Sirena nafu lkoll
Kulhadd bzonnjuz u ghandu xi talenti.

Io mi chiedo perché devo stare quaggiù
Senza fare castelli di sabbia,

Io con le gambe saprei saltare come vorrei
Correndo sulla sabbia tenera
Cantando finalmente libera.

Cullato dalle onDE
DEsidero nuotaRE
REspiro l'infiniTO
TOgliendo il mio timoRE
REgalami coragGIO
GIOcando dentro l'acQUA
QUAsi come fai tu
Nuoterò!

Ho capito perché posso stare quaggiù
Senza fare castelli di sabbia,
Non posso correre, ma posso ridere
Ed insegnarti quello che non sai.

Ho capito perché posso stare quaggiù
Senza fare castelli di sabbia,

Nuotando accanto a te sono felice perché,
Con un amico vero giocherò
E nel mio cuore con te volerò.

leggi tutto
info_outline
Interprete / Enya Magri
Traduzione / Alessandra Bertuzzi
Musica / Andrew Zammit
share
Condividi