Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

I miei soldatini

Descrizione

Lì, sempre pronti a rispondere ad ogni comando, attendono pazientemente che il loro comandante finisca i compiti; è un esercito un po' particolare, ovviamente, un esercito in miniatura, in cui gli alpini scalano il cuscino come fosse il Monte Bianco, il trombettiere suona la carica mentre, sul letto, fanteria e cavalleria sono pronti ad attaccare. Il tutto, ovviamente, fino a che un altro trombettiere, o forse la mamma, non dirà che è meglio ritirarsi in branda e riposarsi!

Testo

Dopo aver fatto il compito
E finito di studiare
Son finalmente libero
Di andarmene a giocare.
Nella mia stanzetta c'è un esercito per me,
Non voglio farlo attendere perché:

I miei soldatini colorati
Mi stanno aspettando già da un'ora.
Li guardo: son pronti e bene armati,
In fila, come sempre, a tre per tre.

Gli alpini li metto sul cuscino
Che sembra davvero il Monte Bianco;
I fanti schierati sul lettino
E la cavalleria davanti a me.

Il trombettiere la sua tromba fa suonare,
Il tamburino il suo tamburo fa rullare:
Mi sembra allora di veder
Partir di corsa i bersaglier...

Con il cappello in testa, fatto col giornale,
In mezzo a loro già mi sento un generale...
E questa sera l'adunata io farò:
I soldatini
Saluterò-ò-ò.

Il trombettiere già mi sembra di sentire...
La mamma dice: «Questa è l'ora di dormire...»
Domani ancora sul mio campo tornerò:
Coi soldatini
Io giocherò-ò-ò.

leggi tutto
share
Condividi