Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

La mucca e i semi di zucca

Descrizione

C'è un vecchio proverbio che dice: "Chi non s'accontenta e vende la mucca, resta solo a pane e zucca". Mio fratello di latte aveva una mucca pregiata che faceva il miglior latte e tutti fin dalla città venivano in campagna per berlo. Ma lui non si è accontentato di quello che aveva e ha venduto al mercato la mucca per un cavallino e dieci oche. Il cavallo è subito scappato e le oche facevano un tale rumore che mio fratello le ha vendute a un tizio un po' sordo per un pugno di semi di zucca. Ora mio fratello pianta zucche e sogna le mucche, che più non avrà.

Testo

C'è un vecchio proverbio che dice:
Chi non s'accontenta e vende la sua mucca
Resta solo a pane e zucca...
Ah, ah, ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah.
Mio fratello, fratello di latte
Viveva in campagna a due passi da me,
Aveva una mucca, una mucca pregiata,
Razza migliore, migliore non c'è.
Che la, che latte, ragazzi, che latte che dava,
Venivano a berlo fin dalla città
E lei con quegl'occhi celesti e profondi,
Guardava il padrone con grande bontà.
Ma come tutta la gente del mondo,
Che non si accontenta di quello che ha,
Mio fratello voleva altre cose
L'erba degli altri è più verde si sa.
E gherengherengherenghè, e
gherengherengherenghè
E gherengherengherenghè, e
gherengherengherenghè.
Ah, ah, ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah.
Così al mercato di Montesupino
Mio fratello la mucca portò
Con dieci oche ed un cavallino
Senza pensarci lui la scambiò.
Ma approfittando della confusione
Che al mercato la gente creò,
Il cavallino scappò per i campi
E il nuovo padrone da solo lasciò.
Le dieci oche facevan fracasso
E mio fratello non le sopportò;
Così per un pugno di semi di zucca
A un tizio un po' sordo le regalò.
E gherengherengherenghè, e
gherengherengherenghè
E gherengherengherenghè, e
gherengherengherenghè.
Ah, ah, ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah.
E come tutta la gente del mondo
Che non si accontenta di quello che ha,
Mio fratello perdette la mucca
E come campare adesso non sa;
E pianta le zucche e pianta le zucche
E sogna le mucche che più non avrà.
E pianta le zucche e pianta le zucche
E sogna le mucche che più non avrà.
Ah, ah, ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah, ah, ah,
Ah, ah, ah, ah,
Ah!

info_outline
Interprete / Marco Erriu
Musica / Pino Massara
share
Condividi