Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Respiriamo la città

Descrizione

Quando cammino per le strade, la mamma mi dice di tener la bocca chiusa e di mettere la mascherina per proteggermi dallo smog della città prodotto da auto a benzina, fumo dei camini, moto e motorini... Allora risparmio un po' di fiato e parlo per metà. Il lu e il dì è il lunedì, il ma e il dì è il martedì, la scuola la chiamo scuò e il dottore dottò... Questo è solo un gioco. Per vivere meglio, invece, la soluzione è un'altra: le auto catalitiche, le domeniche ecologiche e l'uso del tram possono vincere lo smog.

Testo

Quando cammino per le strade all'aria aperta
La mamma dice di tener la bocca chiusa
Di mettere il bavaglio o la mascherina
Per evitare il gas, il gas della città.
Auto a benzina, fumo dei camini
Moto e motorini producono lo smog
Tutto quel veleno entra nella bocca
Scende nei polmoni e non respiri più.
Allora faccio un gioco, un gioco che mi piace
Risparmio un po' di fiato e parlo per metà.

Il lu-lu-lu il dì-dì-dì
Il lu il dì è il lunedì
Il ma-ma-ma il dì-dì-dì
Il ma il dì è martedì
Se devi dire sabato allora dici sa
Ma tutta la domenica si parla per intero col papà.

Le mamme sono ma Ma ma ma ma ma ma
I fratelli sono fra
Fra fra fra fra fra fra
La scuola chiami scuo
Il dottore il dottò.
La frutta chiami fru Fru fru fru fru fru fru
La mucca invece mu Mu mu mu mu mu mu
Il grillo ora è gri
La formica la formì

Qui quo qua non si dicono a metà
Il gio-gio-gio è giovedì
Il ve è venerdì
Ma tutta la domenica si parla per intero col papà.

Auto catalitiche, domeniche ecologiche
A piedi oppure in tram per vincere lo smog
Questo devi fare per ridere e parlare
Per correre e saltare, per vivere di più.
Dai prova questo gioco, ci vuole così poco
Risparmia un po' di fiato e parla per metà.

Il lu-lu-lu il dì-dì-dì
Il lu il dì è il lunedì
Il ma ma-ma il dì-dì-dì
Il ma-il dì è martedì
Se devi dire sabato allora dici sa
Ma tutta la domenica si parla per intero col papà.

Il pesce chiami pe Pe pe pe pe pe pe
Il merlo invece me Me me me me me me
La zanzara è zanzà
La farfalla la farfà.
Il nonno chiami no No no no no no no
La zia invece zi Zi zi zi zi zi zi
Cugino è cugì E gli amici sono amì.

Qui quo qua non si dicono a metà
Nonni e nipotini a spasso col triciclo
Autisti in bicicletta sconfiggono lo smog
Pattini a rotelle, cavalli e carrozzelle
Nel parco, nei giardini con mamma e con papà.

Così si può parlare, parlare per intero
E respirare aria pura in città.

Il lu-lu-lu il dì-dì-dì
Il lu il dì è il lunedì
Il ma-ma-ma il dì-dì-dì
Il ma il dì è martedì
Se devi dire sabato allora dici sa
Ma tutta la domenica si parla per intero col papà.
Col papà!

leggi tutto
info_outline
share
Condividi