Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Scacco matto!

Descrizione

Il gioco degli scacchi è molto antico e fu inventato in India. Può sembrare complicato, invece non lo è. Su un campo bianco e nero, alfieri, torri, re, cavalli e pedoni si affrontano in battaglia tra tattiche e strategie, ma è uno scontro senza vittime. Questo gioco aiuta a ragionare, fa bene anche al cervello e, divertendoci, ci consegnerà un messaggio: "Non fate più la guerra, mettetevi a giocare, far pace sulla terra, volendolo si può".

Testo

C'è un gioco molto antico, in India fu inventato
Vi sembra complicato? Invece non lo è.
È come una battaglia, fra eserciti nemici
Su un campo bianco e nero, che vittime non ha.

Ci vuole fantasia
Memoria ed allegria
Un po' di precisione
E tanta volontà.

La prima mia partita è stata una disfatta
Ma ciò che mi è spiaciuto, più ancor della sconfitta
Son state le parole che ha detto mio cugino
Ridendo come un matto da sopra il tavolino:

Sei fritto, sei fritto!
Ti ho dato scacco matto
Non fare quella faccia, ti sfido quando vuoi
Sei fritto, sei fritto!
Ti ho dato scacco matto
Mettiamo a posto i pezzi, giochiamo ancora un po'
Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Il Re non può scappare, parare o catturare
Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Mettiamo a posto i pezzi, giochiamo ancora un pò

Mi son messo a studiare partite su partite
Le mosse dei campioni da Greco a Kasparov
Gambetti ed aperture, combinazioni ardite
Forchette e promozioni; me li ricorderò?

Le torri vanno dritto, gli Alfieri in diagonale
Lenti sono i Pedoni, piano va Sua Maestà, Sua Maestà!

Potente è la Regina, si muove dove vuole
Si guardano i Cavalli, che saltano qua e là
Ho visto mio cugino, l'ho subito sfidato
E dopo tre minuti, guardandolo gli ho urlato:

Sei fritto, sei fritto!
Ti ho dato scacco matto
Non fare quella faccia, ti sfido quando vuoi
Sei fritto, sei fritto!
Ti ho dato scacco matto
Mettiamo a posto i pezzi, giochiamo ancora un pò
Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Il Re non può scappare, parare o catturare
Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Mettiamo a posto i pezzi, giochiamo ancora un po'

È un gioco proprio bello, che aiuta a ragionare
Fa bene anche al cervello e ti divertirà
Non fate più la guerra, mettetevi a giocare
Far pace sulla terra, volendolo si può.

Invece dei soldati mandate gli scacchisti
Al posto delle armi portate le scacchiere
Saremo più felici
Saremo meno tristi
Con tanti nuovi amici che cantano così:

Sei fritto, sei fritto!
Ti ho dato scacco matto
Non fare quella faccia, ti sfido quando vuoi
Sei fritto, sei fritto!
Ti ho dato scacco matto
Mettiamo a posto i pezzi, giochiamo ancora un po' Ancora....
Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Non fare quella faccia, ti sfido quando vuoi
Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Mettiamo a posto i pezzi, giochiamo ancora un po'

Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Il Re non può scappare, parare o catturare
Sei fritto, sei fritto! Ti ho dato scacco matto!
Amici come prima
Amici più che mai
Amici più che mai, amici più che mai, amici più che mai.
Scacco matto!

leggi tutto
info_outline
Interprete / Simone Crescenzi
Testo / Mario Manasse
Musica / Marco Mojana
share
Condividi