Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Pubblicato il: 20 febbraio 2018

MissZ, Sanremo e il 61° Zecchino d'Oro

Per raccontare le due settimane appena trascorse si potrebbe utilizzare un’unica parola: contaminazione. Perché se l’essenza stessa della musica è composta da un continuo interscambio tra generi e sonorità, la collaborazione tra artisti è qualcosa di ancor più prezioso e per nulla scontato. E quanto capitato nel pur breve lasso di tempo che va dall’inizio del 68° Festival di Sanremo alla conclusione della selezione dei brani del 61° Zecchino d’Oro ne è la prova.

Quando il Piccolo Coro è stato invitato dai ragazzi de Lo Stato Sociale a partecipare alla serata dei duetti del 9 febbraio, per intepretare “Una vita in vacanza”assieme a Paolo Rossi e alla band, la percezione dell’avere tra le mani un’occasione straordinaria c’era tutta. Straordinaria, perché però? Per il palco prestigioso? Ovvio, anche per quello: essere al Festival di Sanremo è un’esperienza magica, una fortuna. Ma non si trattava e non si tratta solo di questo. L’ingrediente che si aggiunge a dare magia al tutto è il valore che ha un incontro che avviene per la prima volta e che si trasforma in collaborazione.

E io, MissZ ero lì, a un passo dalle luci del palco, in attesa di raccontarvelo. Ma in questo racconto la cosa più difficile è rendere la potenza di tante voci che si uniscono, fondendo mondi musicali apparentemente distanti, annullando le distanze come solo la musica sa fare. Sembra banale, ma guardare dalle quinte dell’Ariston un’esibizione così unica è stato davvero bellissimo, un momento mozzafiato! Si ha la percezione istantanea che, in qualche modo, si stia assistendo a un’eccezione da annali, di quelle che verranno ricordate probabilmente nella storia della televisione italiana.

Risultato: per i bimbi è stato un onore, ma anche e soprattutto un bel gioco, mentre la contaminazione si è resa terreno fertile per la nascita di nuovi progetti.

Il Piccolo Coro con la direttrice Sabrina Simoni, Paolo Rossi e Lo Stato Sociale a Sanremo 2018

Le canzoni del 61° Zecchino d’Oro

E mentre i bimbi studiavano il pezzo da cantare a Sanremo, lo staff dell’Antoniano stava già ascoltando i brani arrivati in risposta al bando autori. Sono state così tante le canzoni ricevute – abbiamo battuto il record di brani arrivati, ben 540 – che i giurati ci hanno messo due settimane ad ascoltare (ognuno tramite il proprio account con accesso al database interno) tutte le canzoni per intero con la dovuta attenzione. Poi è arrivato il momento della commissione mista che si è riunita all’Antoniano il 14 e il 15 febbraio.

Tanti i giurati – ben 20 – tra i quali quest’anno è tornato Peppe Vessicchio, da poco nominato Direttore musicale delle iniziative promosse dall’Antoniano. E proprio nel segno della contaminazione, abbiamo avuto la fortuna di avere nel gruppo di lavoro anche Nicoletta Mantovani, Francesca Michielin e Ghemon. Tre personalità molto diverse tra loro, ma unite nel segno della musica e con un obiettivo comune: scegliere le note e le parole con cui raccontare il mondo agli adulti del domani.

Sono state due giornate intense in cui ognuno ha dato il proprio contributo con impegno e passione. Non sono mancati momenti di confronto, sempre sereno, soprattutto rispetto a tematiche delicate o a testi con giochi di parole che hanno innescato confronti tra i giurati. Eppure anche chi si è trovato per la prima volta a vestire questo ruolo nuovo, dopo poco sembrava sentirsi come a casa e non sono mancati momenti di ilarità e divertimento…!

In fondo l’Antoniano è così, un luogo di scambio, capace di dare corpo ad idee meravigliose e far nascere occasioni irripetibili. Un posto dove può avvenire l’impossibile, anche quando le luci sono spente, anche quando non ci si immagina come si materializzerà un sogno.

Quel sogno avrà 12 sonorità diverse, 12 tematiche differenti. Quel sogno si chiama 61° Zecchino d’Oro, e il suo viaggio è iniziato!

Lo seguirò per voi, per cui non vi resta che restare incollati al web e seguirmi a vostra volta!

Buon viaggio insieme!

Sempre vostra,

 

share
Condividi