Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Pubblicato il: 04 aprile 2020

"Zum Zum Zum": il Docu-Concerto disponibile online

1976 Zecchino d'Oro Mariele Ventre
“Zum Zum Zum. Zumando dal Piccolo Coro ai Vecchioni di Mariele” è il Docu-Concerto di Testimonianze Musicali che racconta la storia del Coro dell’Antoniano, un vero e proprio album di ricordi tra filmati inediti, canzoni, interviste e foto d’epoca.

Il concerto, realizzato il 16 giugno 2019 presso lo studio TV dell’Antoniano di Bologna con la scenografia originale del film “I ragazzi dell0 Zecchino d’Oro”, sarà disponibile online per tutti sul canale YouTube di Testimonianze Musicali a questo linkdal 4 aprile al 4 maggio 2020.

 

La Storia del Piccolo Coro: tradizione e innovazione

Zum Zum Zum è un’occasione imperdibile per rivivere in musica la storia del Coro fondato da Mariele Ventre nel 1963 e oggi guidato dalla Maestra Sabrina Simoni.
Un momento magico per cantare insieme brani cult del loro repertorio, anche attraverso le voci dei solisti originali.

Il titolo del Docu-concerto arriva dalla famosissima sigla della trasmissione TV Canzonissima, cui anche il Piccolo Coro partecipò nel 1968 e che sarà solo uno dei tanti piccoli pezzi di storia messi in scena dai “Vecchioni di Mariele”.

“Vecchioni” è il nome che Mariele Ventre era solita dare ai bambini che uscivano dal Coro per il limite d’età raggiunto. E oggi, questi piccoli diventati ormai grandi, continuano a esibirsi per mantenerne vivo il ricordo e il repertorio.

Una storia musicale che appartiene non solo agli appassionati dello Zecchino d’Oro, ma a intere generazioni di bolognesi. L’evento è patrocinato dal Comune di Bologna, dall’Antoniano di Bologna, dalla Fondazione Mariele Ventre, dai Servizi Museali di Bologna, dall’Archivio Diaristico Nazionale e da Covili Arte.

share
Condividi