Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

La barchetta di carta

Titolo originale: Barcica od papira (Croazia)

Descrizione

Una nave a misura di bambino, non da starci dentro ma da essere guidata anche con una sola mano. Grazie alla fantasia, il protagonista di questa canzone si immagina capitano di un vascello che solca i mari del mondo. Anche se è solo una barchetta di carta che ad un certo punto si inzuppa ed affonda, in poco tempo il nonno ne potrà fare un'altra per ricominciare il gioco.

Testo

Con una pagina di un vecchio giornale
Là sulla spiaggia un nonno occasionale
Mi ha fatto una barchetta un po' speciale
Che galleggia superba sul mare.
È proprio bella, mi sembra un'ammiraglia,
Mi piace tanto perché mi fa sognare.
Non è mai stanca e si lascia guidare
Per ore ed ore senza brontolare...
Non ci sto dentro, ma sono il capitano
E la manovro con una sola mano.
Solchiamo i mari immensi della fantasia.
Poi torno a casa perché ho nostalgia.

Od jedne stranice odbacene "Gioie",
Tamo na olazi, je jedan nonic stari
Spretno napravio mi barcicu odpapira,
Ponosno sad plovi po
Jadranskome moru.
Ne stanem u nju, al 'ja sam njen kapetan
I Kormilarim samo jedrom rukom.
Modra plavetnila su masta sada nasa,
Ali nostalgija me u stvarnost vraca.
Preplovih mora tog slrokoga svijeta,
Ali odjednom, jedrenjak mali tone,
Suza u oku... Joi gotova je igra!
Nonicu dragi moj, napravi novu!

Ho già girato
In lungo e in largo il mondo.
Ma che succede?
La barca si è inzuppata...
Ahimè! La mia ammiraglia è affondata!
Chissà se il nonno me ne farà un’altra...
È proprio bella, mi sembra un’ammiraglia,

Mi piace tanto perché mi fa sognare.
Non è mai stanca e si lascia guidare
Per ore ed ore senza brontolare...
Non ci sto dentro, ma sono il capitano
E la manovro con una sola mano.
Solchiamo i mari immensi della fantasia.
Poi torno a casa perché ho nostalgia.
Con una pagina di un vecchio giornale
Là sulla spiaggia un nonno occasionale
Mi ha fatto una barchetta un po' speciale
Che galleggia superba sul mare.

È proprio bella, mi sembra un’ammiraglia,
Mi piace tanto perché mi fa sognare.
Non è mai stanca e si lascia guidare
Per ore ed ore senza brontolare...
Non ci sto dentro, ma sono il capitano
E la manovro con una sola mano.
Solchiamo i mari immensi della fantasia.
Poi torno a casa perché ho nostalgia.

Od jedne stranice odbacene "Gioie",
Tamo na olazi, je jedan nonic stari
Spretno napravio mi barcicu odpapira,
Ponosno sad plovi po
Jadranskome moru.
Ne stanem u nju, al 'ja sam njen kapetan
I Kormilarim samo jedrom rukom.
Modra plavetnila su masta sada nasa,
Ali nostalgija me u stvarnost vraca.
Preplovih mora tog slrokoga svijeta,
Ali odjednom, jedrenjak mali tone,
Suza u oku… Joi gotova je igra!
Nonicu dragi moj, napravi novu!

Ho già girato
In lungo e in largo il mondo.
Ma che succede?
La barca si è inzuppata…
Ahimè! La mia ammiraglia è affondata!
Chissà se il nonno me ne farà un’altra…

È proprio bella, mi sembra un’ammiraglia,
Mi piace tanto perché mi fa sognare.
Non è mai stanca e si lascia guidare
Per ore ed ore senza brontolare...

Non ci sto dentro, ma sono il capitano
E la manovro con una sola mano.
Solchiamo i mari immensi della fantasia.
Poi torno a casa perché ho nostalgia.

leggi tutto
info_outline
Zecchino d'Argento Canzoni Straniere
share
Condividi