Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Il corsaro nero è andato in pensione

Descrizione

Questa è la storia del Corsaro Nero... che ormai è nero solo per il sole che prende sotto l'ombrellone: è infatti andato in pensione, non fa più scorribande, non va più in cerca di tesori, naviga senza alcun pensiero per il mare, vogando e bevendo del rhum... ma non troppo!

Testo

Là nei mari del Sud,
Ai confini del mondo,
Dove i gabbiani laggiù
Fanno un girotondo,
Viaggiava un bel veliero,
Viaggiava un bel veliero,
Era il Corsaro Nero
Coi suoi pirati andato in pension.

Con la gamba di legno
E coi riccioli bianchi,
Una benda sull'occhio
E la spada sui fianchi,
Senza nessun pensiero,
Senza nessun pensiero,
Lui se ne andava fiero
Col suo veliero solcando il mar.

Ed il Corsaro Nero
Nero è diventato per il sole
Che prendeva tutto il giorno
Stando sotto l'ombrellon
E poi con niente a cui pensare
Lui soffriva il mal di mare
E non voleva più navigare
Ma godersi la pension.

Voga ohé, voga ohé
Voga, voga e bevi del rhum,
Voga ohé, voga ohé
Voga e non bere più...

Voga ohé, voga ohé
Voga, voga e bevi del rhum,
Voga ohé, voga ohé
Voga e non bere più...

Una vita di ozio
Senza più scorribande
Tutto il giorno sdraiato
Stava al sole in mutande.
Senza nessun pensiero
Senza nessun pensiero,
Lui se ne andava fiero
Col suo veliero solcando il mar.

Con la canna da pesca
Tutto il giorno in panciolle
Divertendosi un mondo
A inseguir le farfalle.
E poi si addormentava,
E poi si addormentava,
Sotto una palma in fiore
Col venticello che lo cullava.

Ed il Corsaro Nero
Nero è diventato per il sole
Che prendeva tutto il giorno
Stando sotto l'ombrellon
E poi con niente a cui pensare
Lui soffriva il mal di mare
E non voleva più navigare
Ma godersi la pension.

Voga ohé, voga ohé
Voga, voga e bevi del rhum,
Voga ohé, voga ohé
Voga e non bere più...

Voga ohé, voga ohé
Voga, voga e bevi del rhum,
Voga ohé, voga ohé
Voga e non bere più...

E mentre il sole scende giù
Sull'orizzonte in mezzo al mar
Fra verdi palme e freschi frutti tropicali
Ora il Corsaro Nero avrà
Cento barili del suo rhum
Per stare allegro e divertirsi sempre più.

Ed il Corsaro Nero
Nero è diventato per il sole
Che prendeva tutto il giorno
Stando sotto l'ombrellon
E poi con niente a cui pensare
Lui soffriva il mal di mare
E non voleva più navigare
Ma godersi la pension.
Voga ohé, voga ohé
Voga, voga e bevi del rhum,
Voga ohé, voga ohé
Voga e non bere più...
Voga ohé, voga ohé
Voga, voga e bevi del rhum,
Voga ohé, voga ohé
Voga e non bere più...
Voga e non bere più...

leggi tutto
share
Condividi