Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Papà ritorna bambino

Descrizione

Spesso, tornando a casa da lavoro, magari tardi e dopo una lunga e faticosa giornata, i papà sono stanchi e non hanno le forze o la voglia di mettersi a giocare con i propri figli. A volte, però, acconsentono... e tutto diventa all'improvviso più bello: i papà ritornano bambini, come se rinascessero con nuove energie, e si gioca ai cow-boy, con la palla, il trenino. È tanto bello giocar con papà.

Testo

Quando alla sera ritorna papà,
gli chiedo di giocare con me.
Qualche volta mi dice di no:
Egli è stanco ed insistere non so.
Ma se ci sta...
È tanto bello giocar con papà.

Il mio papà ritorna bambino
Quando si mette a giocare con me.
Col mio pallon e col mio trenino
Egli è felice e si sente un gran re.

Il mio papà è un tenero amico:
Inventa favole e giochi per me.
Lo chiamo John, il grande sceriffo,
Quando giochiamo ai cow-boys del Far West.

Io vedo brillare i suoi occhi di gioia,
E nella sua voce c'è tanto calor,
Nei lieti momenti in cui si abbandona
A questo mio mondo di favole d'or.

Il mio papà ritorna bambino
Quando si mette a giocare con me.
Col mio pallon e col mio trenino
Egli è felice e si sente un gran re.

Io vedo brillare i suoi occhi di gioia,
E nella sua voce c'è tanto calor,
Nei lieti momenti in cui si abbandona
A questo mio mondo di favole d'or.

Il mio papà ritorna bambino
Quando si mette a giocare con me.
Col mio pallon e col mio trenino
Egli è felice e si sente un gran re.

Il mio papà ritorna bambino
Quando gioca con me!

leggi tutto
info_outline
Interprete / Andrea Ugolini
Testo / Laura Zanin
Musica / Aldo Buonocore
share
Condividi