Caricamento
Questo sito utilizza cookie, anche di profilazione, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni o per modificare le preferenze sui cookie utilizzati, è possibile consultare la nostra Cookie Policy. Cliccando su “accetto tutti i cookie” acconsenti all’utilizzo dei cookie

Potevo nascere gattino

Videoclip

Descrizione

Quante volte è capitato di chiedersi come sarebbe stata la vita… nei panni di qualcun altro? Questa canzone offre qualche alternativa dal mondo degli animali e delle fiabe. Chissà come sarebbe stata la vita da gatto morbidoso, o da cavallo alto e snello, oppure da principessa, per cui ogni cosa è permessa! Ma in fondo, le ipotesi a che servono? Nessuno sceglie come nascere o dove crescere, l’importante è apprezzare sé stessi per ciò che si è.  Un inno alla diversità e alla bellezza della propria unicità.

Testo

Potevo nascere gattino
Morbidoso, piccolino
Farsi accarezzare, mangiare, giocare,
sonnecchiare qua e là.

Potevo nascere cavallo:
alto, muscoloso, snello,
amico di cavalieri,
e di viaggiatori, di principi e re.

Invece non è proprio così,
io sono leggermente diversa,
a volte non capisco perché,

un giorno sai, lo scoprirò!

Perché non scegli come nascere,
non scegli dove crescere,
semplicemente sei quello che sei.

Uomo, donna, bianco, nero,
dal polo nord in giù:
sei unico, prezioso,
perché sei proprio tu.

Se nascevo principessa,
(che fortuna che fortuna!)

ogni cosa era permessa
(tutto quello che vuoi!)

servitori fedeli,
e dame cordiali
che ti dicono sì
(ogni volta che vuoi)

E se fossi nata mago,
con poteri strabilianti,
avrei fatto fuggire tutti i cattivi
“non tornate mai più!”.
(mai più)

Invece non è proprio così,
non sono nata in un castello,
a volte non capisco perché,

un giorno, sai, lo  scoprirò!

Perché non scegli come nascere,
non scegli dove crescere,
semplicemente sei quello che sei.

Uomo, donna, bianco, nero,
dal polo nord in giù:
sei unico, prezioso,
perché sei proprio tu.

Se ci pensi... quella notte,
al freddo in quella stalla
tra pecore, pastori,
chiamati da una stella
Nel posto che nessuno
avrebbe immaginato
Avvenne quel miracolo
che il mondo ha trasformato.

Perché non scegli come nascere,
non scegli dove crescere,
semplicemente sei quello che sei.

Uomo, donna, bianco, nero,
dal polo nord in giù:
sei unico, prezioso,
perché sei proprio tu.

Sei parte di un progetto
per l’intera umanità,
è anche grazie a te
se la storia cambierà.

leggi tutto

Video Correlati