Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Massimo Spiccia

Interprete

Mi chiamo Massimo Spiccia e ho 4 anni, vengo da Spoleto in provincia di Perugia. 
La mia famiglia è composta da papà Roberto, mamma Maria Carmela e due sorelline: Rita, la maggiore, che mi viene a prendere all'asilo, Dalila, la minore, a cui piace ballare e recitare, poi ci sono io Massimo, mi piace colorare i libricini e i giochi.
I miei piatti preferiti sono i cioccolatini e le caramelle, ma anche la pasta con i tartufi e funghi perché mi piace andarli a raccogliere in montagna con la mamma e il nonno Natale.
Da grande vorrei fare il biologo, per eliminare tutti i batteri cattivi, anche quelli dei dentini.
Per me lo Zecchino d'Oro è bellissimo. Ricordo di cose belle la maestra Sabrina, perché è bella e si fa sempre le codine sui capelli, le maestre Beatrice e Concetta e l'altra – di cui non mi ricordo il nome perché viene poco - perché sono belle e brave; poi le macchinette self service delle merendine e delle bibite. I giardini rosa e Marco il "barbuto" - così lo chiama Massimo - che ho conosciuto sulla panchina dei giardini che beve la birra, ma ha il sorriso buono. Una cosa brutta è stata quando si sono arrabbiate le maestre con me perché volevo fare quello che mi pare, poi mamma che mi sgridava sempre.
La canzone che canto al 55° Zecchino d'Oro è "Il mio nasino".

La sua canzone