Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Il bar di Dario il dromedario

Descrizione

La canzone ci trasporta magicamente in Egitto, in mezzo al deserto, alle Piramidi e ai Faraoni, dove un'allegra famigliola tormentata dalla sete per il gran caldo, cerca un'oasi per dissetarsi. La Sfìnge consiglia loro il bar di Dario il dromedario, un bar specialissimo in cui il proprietario tiene nella sua ampia gobba tante bibite ghiacciate. Dopo tanto camminare, l'intervento provvidenziale della mamma, alla guida di una jeep, porterà tutti quanti al bellissimo bar di Dario il dromedario.

Testo

Che bello visitar l'Egitto
In gita col papà
Col fratellino Mario
Ed il gatto Mustafà
In mezzo alle piramidi
Mi sento un faraone,
Supremo sacerdote di Amon-Ra.

Ma il sole qui non scherza
C'è gran caldo e siccità
E dopo appena un'ora
Il babbo più non ce la fa
Anche Mario si lamenta
Ed il micio, gran pigrone,
Si sdraia all'ombra e avanti più non va.

Ci vorrebbe una bibita ghiacciata
Un tè freddo, una granita, un'aranciata,
Ma qui intorno non c'è niente, solo sabbia!
Babbo che sete che rabbia!!!

Ma ecco che la sfinge infastidita dal gran chiasso
Abbandona la sua 'flemma' e rivolta verso il basso dice:
"Amici, adesso basta, ma che maniera è!
Avete sete e allora? La soluzione c'è!

È il bar di Dario il dromedario,
A quattro dune di distanza sta
Con il servizio più efficiente di tutto il continente
E al sabato c'è anche il piano bar.
Che forte Dario il dromedario
Specializzato in ospitalità
Ha il viso un po' severo, lo sguardo un poco altero,
Ma se hai bisogno lui ti aiuterà!

Nella sua gobba grande e ben refrigerata,
Trovi di tutto: vino, acqua e limonata!
Lui non accende mai l'aria condizionata
Perché se hai caldo con la coda Dario ti sventolerà.

Rincuorati dalla sfinge
Riprendiamo a camminar,
Papà dice: "Ho capito da che parte devo andar!"
Ma purtroppo dopo un'ora siam nel mezzo del Sahara
E non c'è nessuna traccia di quel bar.

Mario dice: "Adesso basta, guido io la spedizione!"
Ma le cose non van meglio siamo tutti nel pallone
E scalata un'altra duna, constatiamo l'evidenza:
"Le piramidi! Siamo al punto di partenza!!"

Ci vorrebbe una bibita ghiacciata
Un tè freddo, una granita ,un'aranciata,
Ma qui intorno non c'è niente, solo sabbia!
Babbo, che sete, che rabbia!

Ma alla guida di un "Gippone" appare a un tratto la mammina
Che se n'era stata a letto, dormigliona, stamattina
"Ragazzi, avete sete? Salite su con me!
Ho trovato un localino, di migliori non ce n'è!
È il bar di Dario il dromedario,
A quattro dune di distanza sta
Con il servizio più efficiente di tutto il continente
E al sabato c'è anche il piano bar.
Che forte Dario il dromedario
Specializzato in ospitalità
Ha il viso un po' severo, lo sguardo un poco altero,
Ma se hai bisogno lui ti aiuterà!

Nella sua gobba grande e ben refrigerata,
Trovi di tutto: vino, acqua e limonata!
Lui non accende mai l'aria condizionata
Perché se hai caldo con la coda Dario ti sventolerà;

È il bar di Dario il dromedario,
A quattro dune di distanza sta
Con il servizio più efficiente di tutto il continente
E il sabato c'è anche il piano bar.
Che forte Dario il dromedario
Specializzato in ospitalità
Ha il viso un po' severo, lo sguardo un poco altero,
Ma se hai bisogno lui ti aiuterà!
Ma se hai bisogno lui ti aiuterà!
Ma se hai bisogno lui ti aiuterà!

leggi tutto
info_outline
share
Condividi