Caricamento
Questo sito utilizza cookie, anche di profilazione, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni o per modificare le preferenze sui cookie utilizzati, è possibile consultare la nostra Cookie Policy. Cliccando su “accetto tutti i cookie” acconsenti all’utilizzo dei cookie

28° Zecchino d'Oro

Le tre giornate dello Zecchino d'Oro 1985 si aprono quest’anno con "We are the world", un indimenticabile successo internazionale che già da qualche tempo era entrato a far parte del repertorio del Piccolo Coro dell'Antoniano di Bologna. Curiosità: la sigla che detiene il record di presenze allo Zecchino, ben 17, è "Lo Zecchino d'Oro" di M. Panzeri e G. Principe (usata dal 1959 al 1970 e ancora dal 1992 al 1996). Il Piccolo Coro si esibisce poi in un altro difficile brano in inglese, "When the Saints go marchin’ in", apprezzato da pubblico in studio e da casa.
Nemmeno l’influenza riesce a fermare Cino Tortorella dal condurre l’ennesimo Zecchino; quest’anno poi ha a che fare per tutte e tre le puntate con Topo Gigio, il divertente pupazzo già comparso in diverse edizioni e portato in vita da Maria Perego e la voce di Peppino Marzullo, ormai in pensione dai panni di Richetto.
La G d'Oro per il miglior testo è vinta dalla canzone "Bit", scritta da Alessandra Valeri Manera; già da qualche tempo autrice di canzoni per lo Zecchino, quest'ultima diventerà la più grande autrice di sigle di cartoni animati in Italia. Lo Zecchino d’Oro invece va a "Riprendiamoci la fantasia", cantata da Alice Claudia Lenaz e scritta dall’esordiente Francesco Rinaldi.

info_outline

Informazioni
generali

Conduzione / Cino Tortorella
Zecchino d'Oro
Zecchino d'Argento Canzoni Italiane
BIT
Zecchino d'Argento Canzoni Straniere
G d'Oro "Sorella Letizia"
BIT

Canzoni
e interpreti

Foto
Gallery

1985 Zecchino d'Oro Cino Tortorella con Wouter Bongaerts