Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Carlo Maria Arosio

Autore

Soprannome: il rosso o Barbarossa
Vivo a: Milano
Vengo da: Milanese da sempre
Segno Zodiacale: Scorpione
La mia canzone in gara è: "Do i numeri"
In qualità di autore di: musica
Che emozione proverò quando sentirò la mia canzone allo Zecchino d'Oro: Sarà per me una grande gioia sentire il mio brano realizzato ad altissimo livello, come mi è già successo per altre mie canzoni in gara anni fa. L'alta qualità del coro e dell'arrangiamento, unita alla cornice della scenografia e della regia televisiva gratificano la mia sensibilità. In quei minuti vivo un'emozione indescrivibile.
Cosa faccio nella vita: insegno al conservatorio di musica G. Verdi di Milano e per il resto del tempo a disposizione compongo musica
Esperienze precedenti con lo Zecchino d'Oro: Giochi di Parole presentato al 51° Zecchino d'Oro, classificatosi al secondo posto e Buonanotte Mezzomondo presentato al 52° Zecchino d'Oro
Lo Zecchino d'Oro è: la possibilità di fare brani delicati, adatti alla sensibilità dei giovani e alla mia.
Citazione preferita: "Un pieno di energia, effetto vitamina"
Ultimo CD acquistato: Maurice Ravel, un vero genio della musica
Sogno nel cassetto: comporre una sinfonia
Un incoraggiamento rivolto ai bambini: nel mondo della musica non entra mai la guerra
Qualcosa da dichiarare/raccontare: ho scoperto la musica all'età di quattro anni e grazie a lei non mi sono mai sentito solo
Genere musicale preferito: musica classica in tutte le sue forme. Mi piace molto anche il pop, il funky, jazz e country... tutta la bella musica
Se con una canzone (dello Zecchino d’Oro) si potesse cancellare la povertà, sceglierei: "Giochi di Parole". "Lo vedi sul tetto c’è un gatto un po’ matto, chissà se quando è piccino diventa mattino e a scuola si va. Se quando è un po’ matto crescendo un mattone sarà, potrà costruire una casa per chi non ce l’ha" perché tutte le persone del mondo hanno diritto ad avere una propria casa dove condividere le gioie e gli affetti famigliari

Le sue canzoni