Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Flavio Careddu

Autore

Sono Flavio Careddu e vivo a Brescia. Nella vita lavoro come collaboratore amministrativo presso l’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia.
Il mio sogno da bambino era diventare veterinario oppure fare il giornalista.
La frase che più mi rappresenta è: “Vivere fa bene al cuore”.
La mia canzone in gara è “Nero Nero”, in quanto coautore del testo. 
Ciò che mi ha spinto a scrivere una canzone per bambini è l'amore per la scrittura, e da fan dello Zecchino d’Oro, quale io sono, non è difficile capire quale sia stata la motivazione: ho semplicemente coniugato due mie grandi passioni.
La mia canzone è nata dalla collaborazione con i miei coautori, considerando che, nella realizzazione di “Nero Nero”, io mi sono inserito in corso d’opera, essendomi stato richiesto con molta generosità un piccolo contributo per la “limatura” ed il completamento del testo.
Il messaggio che mi piacerebbe arrivasse con la mia canzone è l'invito a riflettere sul fatto che tutti abbiamo un valore, poiché ciascuna persona è importante per creare la variopinta tavolozza di “colorature umane” che dà vivacità alla società e al mondo intero. Allo stesso modo, anche il protagonista del brano, il colore nero, inizialmente deluso dalla scarsa considerazione cromatica normalmente riservatagli, a fine canzone si persuaderà del fatto che senza di lui “il mondo non ha scampo”, perché tante cose non sarebbero più le stesse.
Sono un vero fan dello Zecchino d’Oro e di canzoni a cui sono legato, quindi, ce ne sono parecchie, anche meno celebri, ma che restano piacevolmente nella mia memoria. E ogni anno, a novembre, ecco che spunta sempre almeno una canzone che si aggiunge alla mia personale playlist e diventa la mia ennesima “canzone del cuore”.